Un solido grumo di dolore | Punto Aparte

Alcuni giorni fa è stato pubblicato un mio articolo sulla vergogna (in spagnolo), scritto per il quarto numero della rivista Punto Aparte. Eccovelo tradotto in italiano. Un solido grumo di dolore Quando finì il film piansi, piansi e piansi. Non avevo mai pianto così, in mezzo alla gente. Aspettai che tutti se ne…

Continue reading

Sospesa

Oggi la nebbia appena fuori città era fitta, ma quella appena dentro di me lo era ancora di più. Mi sento sospesa, come questa bambina. È una fotografia che ho sempre amato, casualmente scattata proprio nell’anno in cui sono nata. La solita serendipity mi portò qui, in questo affascinante progetto sulle…

Continue reading

Comunque, sono viva.

Mi sono ripresa, e mi sono anche ripromessa di starmene per i cavoli miei quando sono storta. Io, in fondo, sono felice anche quando sono triste, per dirla in modo semplicistico. Più che altro devo trovare un modo per canalizzare l’energia così irruenta che porta con sé l’angoscia. Mi sa…

Continue reading

in su, in su, come una bambina che vuole fare la grande

ho energia, ma non proprio costruttiva, e va a singhiozzo. piccole scoperte o meglio conferme a volte vado troppo veloce e mi piacerebbe essere più avanti nella strada da percorrere “agisci e non essere agita”, mi dice qualcuno… agisco agitata 🙂 e non dovrei! il discorso è lungo e complesso.…

Continue reading

la ricerca della quiete

la vita ci sballotta di qua e di là, trovare un momento di quiete è spesso pura utopia, ma alla fine ci si riesce, allora l’attesa acquista un colore diverso.

Continue reading

assecondare il moto in discesa dell’animo cupo

Hai visto il film “Qualcosa è cambiato” (orrido adattamento del titolo originale “As good as it gets”), con Jack Nicholson e Helen Hunt? Nicholson fa uno dei suoi classici personaggi disturbati un ossessivo compulsivo quando accompagna la tipa in macchina, ora non ricordo bene il motivo del viaggio, si vede…

Continue reading

Umore incerto, ovvero del senso di incompiutezza

spazio aperto per il pensiero _ ph Moyano Somoya

Quando non c’è una ragione precisa c’è comunque una ragione, troppo grande e pervasiva per essere definita, almeno con poche parole. Non è necessario esplicitare quando le sensazioni hanno il sopravvento. Il senso di incompiutezza c’è sempre, è una condizione sine qua non della vita consapevole – il prezzo da…

Continue reading

fiume in piena, tra epifanie e chat

oggi sono impazzita cercando una cosa, a casa mia, che volevo regalare a un’amica. alla fine l’ho trovata, ma nel frattempo sono inciampata in almeno 3 cose che non ricordavo più di possedere anzi, non ne ricordavo più l’esistenza e ho pensato alle cose, di solito testi scritti da noi…

Continue reading

dire

non è mia intenzione essere criptica, se succede è solo perché mi scappa: è da un paio di anni che cerco di liberarmi dalla mia vecchia abitudine di nascondermi, di alludere invece di dire… non è che sia difficile riuscirci, più che altro è lunga l’allenarsi a dire le cose…

Continue reading